Comportamenti infantili particolari

Il maltrattamento infantile è molto più spesso seguito da particolarità comportamentali che da reperti fisici. Questi comportamenti sono la conseguenza dei traumi subiti ed è il modo con cui il bambino cerca di elaborare la situazione. In base ai fattori di autoprotezione (resilienza) diversi in ogni bambino, i cambiamenti nel comportamento, anche di fronte a traumi simili, possono apparire diversi; essi dipendono anche dall'età del bambino e dalla posizione e la relazione dell'autore nei suoi confronti. I comportamenti particolari come indizio di maltrattamento infantile non sono praticamente mai specifici per un tipo di trauma: gli stessi sintomi possono manifestarsi nel quadro di un divorzio conflittuale, che per il bambino è un trauma psicologico, in caso di abusi sessuali ripetuti, di un continuo mobbing scolastico o dalla morte di un genitore. Ci si astenga dunque dall'interpretare singoli sintomi senza conoscere esattamente la storia, la vita ed il contesto generale nel quale vive il bambino; le liste di sintomi devono essere applicate e interpretate con estrema cautela. Non esiste niente di peggio che sospettare dei genitori innocenti di abuso sui minori. Possibili sintomi psicosomatici

Disturbi del sonno
Disturbi alimentari (aumento diminuzione di peso)
Dolori cronici quali mal di pancia, mal di testa
Enuresi Possibili sintomi e reazioni psicologiche

Reazioni depressive, il bambino è più introverso e remissivo
Mancanza di limiti relazionali, paura del contatto fisico
Abusi sessuali su bambini più piccoli
Comportamento aggressivo
Autolesionismo, abuso di sostanze
Pensieri suicidi
Fughe, menzogne, rifiuto dell'impegno/di una prestazione (per esempio scolastica o lavorativa), delinquenza
Regressione a stadi di sviluppo precedenti
Calo del rendimento scolastico Conseguenze psicologiche possibili a lungo termine

Disturbi relazionali
Disturbi dello sviluppo della personalità
Arresto dello sviluppo, disturbi della crescita
Disturbi del linguaggio, della concentrazione, dell'attenzione
Uso della violenza da adulti nel ruolo di genitori

Condividi