I ginecologi sono responsabili di due pazienti: la donna ed il bambino in grembo

Anche dopo il parto ci occupiamo di questa coppia legata da una relazione e una dipendenza intensa, ma che comunque formata da due individui.
Le influenze che la madre esercita sul figlio sono multiple: nella maggior parte dei casi e delle situazioni sono positive e favoriscono la salute, la sicurezza e il benessere del bambino; raramente mettono il bambino in pericolo o gli arrecano danni. Queste situazioni devono essere riconosciute in tempo, per il bene del bambino e della madre e negli interessi della madre, che spesso non esercita questo influsso negativo consciamente né, tanto meno, volontariamente. Fattori di rischio Per il maltrattamento la trascuratezza del bambino a livello fisico
Abuso di sostanze durante la gravidanza e l'allattamento al seno (alcol, nicotina, droghe, farmaci, eccetera)
Cattiva alimentazione della madre durante la gravidanza e l'allattamento al seno
Traumatizza azione fisica della madre, e indirettamente del bambino, causata da violenza domestica Per il maltrattamento e la trascuratezza del bambino a livello psicologico Depressione post parto
Diagnosi psichiatriche che limitano la possibilità della madre di reagire adeguatamente al bambino (per esempio la schizofrenia) Ricordo ancora una volta che l'obiettivo di riconoscere precocemente i fattori di rischio per la salute e l'incolumità del bambino non è assolutamente quello di accusare la madre. Anzi questo aspetto è proprio nefasto. Spesso la madre stesse vittima delle situazioni o soffre di una malattia. L'intervento precoce degli specialisti deve essere inteso come offerte di aiuto in un sistema relazionale labile, con lo scopo di evitare che il bambino riporti conseguenze gravi e che la madre rimproveri se stessa. L'intervento precoce inoltre permette genitori violenti di farsi prendere a carico da un gruppo di specialisti. Non c'è nulla di vergognoso ricorrere all'aiuto di specialisti per capire la situazione e portare una soluzione a questo spinoso problema.

Condividi