Il momento dell'annidamento (impianto)

A 6 giorni dopo la fecondazione, l'embrione si presenta come una massa discoidale detta blastocista. L'embrione termina il suo primo viaggio, arrivando nell'utero dopo aver percorso la tuba uterina e cerca un posto dove installarsi nell'utero dopo che quest'ultimo si è ben preparato a riceverlo: inizia l'impianto. Quello che è interessante sapere è che la madre non sa ancora di essere gravida! Si è preparato semplicemente un vero e proprio nido nella mucosa della parete del vostro utero. Il nido è molto accogliente poiché tutto è stato previsto per ricevere questo importante ospite. Per l'occasione le pareti dell'utero si ripiegano verso l'interno formando numerose pieghe nelle quali si trovano innumerevoli vasi sanguigni in modo da poter nutrire l'embrione prima ancora che si formi la placenta. È il momento dell'impianto, l'embrione iniziale si attacca alla parete interna dell'utero (endometrio) materno. L'embrione, come una minuscola ventosa, si incollerà su queste pareti e progressivamente si installerà saldamente per restarvi durante i nove mesi. Dopo l'impianto, le cellule alla periferia della blastula danno origine alla placenta, che serve da filtro tra i due sistemi circolatori: quello materno e quello embrionale. La placenta rilascia ossigeno materno, sostanze nutritive, ormoni ...; rimuove buona parte degli scarti ed impedisce che il sangue materno si mescoli con quello dell'embrione del feto. Dunque contrariamente ad un idea ricorrente, il sangue materno e quello fetale non entrano in contatto in situazione normale. I globuli rossi della mamma non si ritrovano nella circolazione fetale. Si tratta di veri è propri compartimenti stagni, solo una membrana li separa per permettere gli scambi vitali. Nella realtà, man mano che la placenta diventa sempre più matura, può succedere che qualche globulo rosso (o dalla mamma verso il bimbo o dal bimbo verso la madre) passi in un senso o nell'altro di questa circolazione sanguigna come ad esempio quando una madre ha il fattore del gruppo del sangue Rhesus negativo. Il feto può allora fare passare qualche globulo rosso nella circolazione materna e allora ... Le cellule dell'embrione in via di sviluppo iniziano a produrre un ormone detto BHCG (gonadotropina corionica), la sostanza rilevata dai test di gravidanza siano essi nel sangue o nelle urine. Il periodo dell'impianto inizia quindi a sei giorni e termina dai 10 ai 12 giorni dopo la fecondazione.

disegno annidamento in ingleseannidamento

Rivediamo ora il filmato, qui sopra riportato, a velocità sostenut da Atlas di riproduzione assistita coordinatore Dr. Julio Herrero, su autorizzazione di Merck Seronno):

Le cellule della massa cellulare interna formeranno l'embrione: ecco come si trasforma. Dapprima si ripiega su se stessa, poi si allunga per formare un tubo. La parte alta del tubo formerà la testa del bimbo. Nella parte inferiore inizia un abbozzo di colonna vertebrale. In questo momento della testa c'è solo il nome. A partire dal 15 giorno del concepimento le cellule nervose hanno iniziato ad organizzarsi.

Il corpo della madre incomincia ad attivarsi per mantenere la gravidanza. Per rispondere al bisogno in ossigeno dell'embrione, il volume del sangue inizia ad aumentare progressivamente e passa dai 4 L al minuto all'inizio della gravidanza a 5 a 6 L nove mesi dopo. A partire dal momento dove crea il suo nido nell'utero, l'embrione incomincia ad utilizzare le riserve della madre.

bouton embryo abouton embryo bbouton embryo cbouton embryo ibouton embryo iibouton embryo iiibouton embryo ivbouton embryo vbouton embryo viibouton embryo viiibouton embryo xfoto embryo testa

Condividi